Aggregazione Piastrinica

Norme cui attenersi al fine di rendere attendibile l’esito dell’esame:


Viene utilizzata per:

  • Casi di iperaggregabilità. (L'acido acetilsalicilico, gli antistaminici, il clorodiazepam, il clofibrato, cocaina, corticosteroidi, diazepam, dipiradamolo, furosemide, gentamicina, indometacina ed antinfiammatori non steroidei, marijuana, fenotiazine, fenilbutazone, propanolo, composti della piramidina, sulfinpirazone, teofillina, antidepressivi triciclici possono inibire l'aggregazione piastrinica falsando i risultati.)
  •  Controllo terapia antiaggregante